fbpx

IpnoShe

10 Novembre 2021

IpnoShe

Opera digitale.

Animazione da fotografia, anno 2020.




One to One. Corsi e percorsi fotografici individuali anche online.

18 Novembre 2020

One to One. Corsi e percorsi fotografici individuali anche online.

one-to-one-corso-fotografia-online

La fotografia si può imparare e migliorare anche online.

I miei corsi One to One sono ideali per:

  • chi parte da zero e vuole imparare in maniera semplice ma efficace
  • migliorare ed evolversi senza perdersi in strade lunghe e tortuose
  • trovare il proprio stile fotografico
  • creare contenuti efficaci per social network
  • imparare e approfondire il fotoritocco e la post produzione
  • aziende che già utilizzano la fotografia ma vogliono saperne di più
  • aziende che ancora non sfruttano appieno le potenzialità della fotografia
  • chiunque sia affascinato o incuriosito dal linguaggio fotografico

Mi è stato chiesto più volte e più volte l’ho fatto, ho seguito come un maestro che si prende cura del suo allievo, alcune persone nei loro percorsi personalizzati di apprendimento ed evoluzione fotografica.

C’è stato chi partiva da zero e chi aveva solo voglia di migliorare, chi sentiva la necessità di togliersi certi blocchi e andare oltre, chi invece tecnicamente già evoluto soffriva il non avere uno stile personale riconoscibile.

Sono corsi, ma li chiamerei più percorsi, formativi individuali e totalmente personalizzabili sulle esigenze di ogni persona per massimizzarne l’efficacia e ridurne la durata.

Questo tipo di approccio è anche un ottimo metodo di consulenza per aziende che vogliono capire come utilizzare la fotografia e quale tipologia di fotografia possa portargli benefici.

Studieremo insieme i passi da fare, la tipologia di fotografia da trattare, ci accorderemo sugli orari e sui giorni, insomma è tutto estremamente semplice.

Per qualsiasi informazione e approfondimento visita questa pagina, scrivimi chiedendo ciò che vuoi e ti risponderò dandoti tutte le informazioni che vuoi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.




Il ritratto fotografico chi ritrae veramente?

8 Gennaio 2020


alessandro-bianchi-portrait-photography

Mi guadagno la pagnotta facendo foto. Ok.

Mi guadagno la pagnotta anche insegnando a fare foto. E ok anche questo.

A volte capita che faccia venire in accademia delle modelle per certe lezioni che riguardano il ritratto fotografico, e qua sorge sempre il dubbio a molti alunni. Mi chiedono: “prof ma bisogna tirare fuori l’anima della persona, la sua personalità o cercare altro? Magari facendole interpretare qualcosa?”

Dico sempre che il ritratto va sempre fatto in funzione di un risultato, o meglio di uno scopo, di una certa progettualità, è comunque imprescindibile il fatto che in ogni ritratto c’è sempre anche, in qualche modo, il ritratto del fotografo. In ogni fotografia che facciamo viene fuori chi siamo, il nostro vissuto, il nostro passato e il nostro presente. In qualche modo anche chi speriamo di essere.

Ma la stessa cosa vale per la musica che ascoltiamo, i libri che leggiamo, i film che guardiamo, come ci vestiamo e in generale qualsiasi scelta prendiamo, anche la più semplice e banale è sempre una sintesi di noi stessi.

Solite cose fritte e rifritte ma che hanno un fondo di verità. Per me lo hanno, per qualcun altro sicuramente no.

Non mi va infatti di pensare che scattiamo solo per gusto estetico e che questo gusto non sia frutto di altro se non di… appunto solo gusto estetico, esercizio di stile o raccolta di like.

In questa foto ad esempio credo ci sia più Alessandro che Sheila (la modella), non credo che lei per sua scelta avrebbe voluto un ritratto così, forse avrebbe preferito vedersi più bella, più ventenne (come del resto è), avrebbe preferito più dettaglio sui capelli (li ha veramente belli) o non so cosa altro, ma in questo caso della sua volontà me ne sono fregato.

Io però quella mattina volevo creare una distanza tra i miei 46 (quasi 47) anni e la ventina degli alunni e di Sheila, quindi ho usato una luce diretta sul volto ma che non toccasse i capelli, ho montato il vecchio e glorioso 50ino Nikor e in pochi click ho ottenuto lo scatto che volevo, la post produzione l’ho usata per convertire la foto in bianco e nero.

Una foto piuttosto impastata.

Onestamente non so se chi guarda questa fotografia capisca tutta la mia pippa mentale, ciò che ritengo fondamentale è che il risultato non sia affidato al caso ma ad un pensiero, una riflessione ed uno scopo, anche se il totale di tutto queste cose è un “risultato estetico e giudicabile e criticabile attraverso il gusto personale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.




Today I’m not a photographer. Un libro di foto fatte con l’iPhone

17 Aprile 2019

Chi come me fa il fotografo scatta sempre fotografie che, almeno secondo lui, hanno un senso. Anche quando le foto sono fatte con gli smartphone nei luoghi e nei momenti più disparati, in auto, in vacanza, al lavoro, in casa, per strada ecc.

E ecco che ti ritrovi con l’iPhone pieno zeppo di foto ed alcune sono anche interessanti, o quando meno curiose al punto che lasciarle inutilizzate è uno spreco.

Sarà l’abitudine a vedere le mie immagini pubblicate che mi è venuta la voglia di fare una serie di libri di foto fatte e post prodotte con l’iPhone.

Today I’m not a photographer è il primo della serie, un centinaio pagine, formato quadrato ed easy ma stampa di qualità.

Qua direi alcune pagine fotografate a caso giusto per capire di cosa si tratta.

È possibile acquistare il libro qua https://it.blurb.com/b/9394806

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.