fbpx

Lezioni di fotografia, una (non) nuova esperienza. 

1 Marzo 2016

Sono passati quasi 4 anni da quando insegno fotografia all’ Accademia d’arte e design Leonetto Cappiello di Firenze. 

Non è una robina semplice avere a che fare e interagire con teste e personalità sempre diverse e del tipo più vario considerando che io sono sempre io, ed ho anche  una personalità particolarmente forte e le mie lezioni di fotografia hanno la presunzione di tirarti fuori anima, pancia, sangue e sudore. 

Credo che la Fotografia si possa fare solo così, altrimenti si parla di scattini e stop. 

La cosa bella è proprio questa, non snaturare nessuno ma anzi puntare a rafforzare quello che la natura ha regalato, aiutando i ragazzi a formare il loro stile, a potenziare le proprie percezioni, guidando le loro idee in base a come sono e non a cercare di creare tanti piccoli miei alter ego. 

Ma la cosa che davvero mi rende felice è che tutto ciò non solo è possibile ma porta a notevoli risultati. 

L’entusiasmo è sempre alle stelle qua si lavora sodo, ed è l’unico modo perché i ragazzi escano che sanno davvero fare e pensare, il clima è familiare, si creano rapporti che durano anche dopo anni, il mio attuale e preziosissimo assistente è un mio ex alunno, si fanno progetti molto interessanti che portano a risultati sorprendenti anche lavorando in sinergia tra varie materie ed è bellissimo vedere come i ragazzi vivano il mondo del lavoro, perché l’impostazione non è di tipo scolastico ma di tipo lavorativo, ogni progetto è una simulazione di lavoro o spesso un vero e proprio lavoro commissionato. 

Bando alle ciance alle 2 screenshot di messaggi che mi hanno inviato 2 alunni sperando che rendano l’idea del senso della cosa.  
    

    
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.




Justine Mattera, la fotografo nonostante sia un servizio di moda perché mi interessa la sua personalità

4 Dicembre 2015

Il lavoro del fotografo da senza dubbio dei privilegi, uno dei quali, secondo me il più interessante, è che da modo di entrare a contatto con persone che in qualche modo incuriosiscono per le loro personalità.

Sono incuriosito e affascinato dal mondo umano, forse è ricerca di qualcosa, forse studio, forse voglia di capire o forse la somma di tutto ciò, sta di fatto che qualunque sia il motivo per cui fotografo una persona (pubblicità, lavoro editoriale, servizio di moda, ecc.) il mio fine è sempre lo stesso: sintonizzarmi con quella persona e portarmi a casa foto che rimangano un canale diretto e aperto, una sorta di dialogo continuo tra me e il soggetto.

Poco mi importa se chi le guarda non capisce cosa ci stiamo dicendo, anche perché spesso vengono guardate per il fine commerciale col quale sono state scattate, anzi questo mi affascina ancora di più, mi concede una certa esclusiva di osservazione. 

Ecco questo è il vero privilegio, un tipo di contatto che in altri modi non sarebbe stato possibile creare.

Ringrazio tutti i miei soggetti, e in questo caso specifico Justine Mattera che in quanto a personalità non è seconda a nessuna, ma li ringrazio di cuore perché mi offrono una cosa che per me ha un gran valore.

alessandro_bianchi_fotografo_portrait_justine_mattera_celebrity_2alessandro_bianchi_fotografo_portrait_justine_mattera_celebrity_2justine_mattera_celebrity_portrait_alessandro_bianchi_fotografo_photographer_fashion_7justine_mattera_celebrity_portrait_alessandro_bianchi_fotografo_photographer_2justine_mattera_celebrity_portrait_alessandro_bianchi_fotografo_photographer_fashion_6justine_mattera_celebrity_portrait_alessandro_bianchi_fotografo_photographer_fashion_6alessandro_bianchi_fotografo_portrait_justine_mattera_celebrity_3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.




Francesca Brambilla scattata per Maxim. Novembre 2014

12 Novembre 2014

“La ragazza della porta accanto” è il nome della rubrica.
Par vari motivi non ho ancora sotto mano il giornale cartaceo, pubblico alcune delle foto scattate così come piacerebbe a me vederle sulla rivista.

MG_6320alow MG_6037alow MG_5895alow MG_6373abnlow MG_6286abnlow MG_6582abnlow

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.




Federica Pellegrini, swimmer, photographed for Maxim, April issue

17 Aprile 2014
Dedicato a 2 carissime persone scomparse in questi giorni. 
 

Federica Pellegrini, premiere dame, photographed by Alessandro Bianchi. 

 
 
 
The magazine 
Foto-17-04-14-18-22-18 Foto-17-04-14-18-23-54 Foto-17-04-14-18-24-18 Foto-17-04-14-18-25-32 Foto-17-04-14-18-27-01 Foto-17-04-14-18-27-35 Foto-17-04-14-18-27-55 Foto-17-04-14-18-28-32
Photo: Alessandro Bianchi – Studio Kime
Ph assistant: Riccardo Pieri

Fashion editor: Lucio Colapietro

Stylist: Francesca Donnarumma 

St assistant: Francesca Donnarumma

Hair and make up: Pablo Ardizzone
Location: Byblos Art Hotel Villa Amistà Verona
 


Le foto
blogger-image-1534711646 blogger-image-1543076498 blogger-image-1364303568 blogger-image-887238050 blogger-image-880958475 blogger-image-865956347 blogger-image-301320639 blogger-image-93390441

Backstage pictures by Riccardo Pieri
blogger-image-556183351 blogger-image-1356649308 blogger-image-400597136 blogger-image-354934966 blogger-image-286910912 blogger-image-1504635062 blogger-image-151958038

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.